Cinema

Cosa succede nel mondo del cinema con le ultime novità in questa città

Cultura

La cultura attraverso i libri che raccontano la città e il tempo

Musica

La sezione per la musica italiana e gli eventi romani

Video

I video della redazione di Romalive, interviste, servizi e approfondimenti a 360 gradi!

Home » Cinema

The Pier

Scritto da on giovedì, 8 dicembre 2011No Comment

Nel setacciare gli eventi che hanno reso così ricca la quinta edizione dell’Irish Film Festa, un posto speciale spetta alle proiezioni che hanno visto interagire col pubblico cineasti e altri ospiti della manifestazione: dagli aneddoti del documentarista italiano Alessandro Negrini, autore di Paradiso, alla memorabile intervista con Stephen Rea realizzata dalla direttrice artistica Susanna Pellis subito dopo Butcher Boy, capolavoro di Neil Jordan ripescato per l’occasione; dall’incredibile lezione di cinema del giovane cineasta James Fair, la cui troupe ha saputo realizzare un film come The Ballad of Des & Mo in sole 72 ore, fino all’incontro con Gerard Hurley. Quest’ultimo ha incontrato il pubblico domenica 4 dicembre, giorno in cui si presentava il suo The Pier, lungometraggio indipendente e dal budget piuttosto contenuto in cui l’artista irlandese si è brillantemente disimpegnato sia come regista che come interprete principale.

Di Gerard Hurley colpisce da subito l’aria riservata, un po’ malinconica, quasi impressa nel sorriso garbatamente ironico e distaccato, tutti cenni di un carattere riflessivo e in fin dei conti introverso che sembra in parte coincidere con quello del personaggio da lui portato sullo schermo: il nostro Gerard in The Pier è Jack McCarthy, irlandese di mezza età emigrato in America tra mille difficoltà economiche e richiamato poi nella contea di Cork con l’inganno, da parte di un padre ormai malato ma apparentemente restio a smussare gli atteggiamenti dispotici e autoritari del proprio carattere. In tutto ciò, oltre a dover ricostruire un rapporto difficile col padre, il nostro Jack resta immediatamente folgorato dall’incontro con una bella connazionale, anche lei residente a New York, ma di passaggio nello stesso paesino irlandese di cui entrambi sono originari. Di per sé The Pier non è un film eccezionale, sconta senz’altro la geometricità e l’esiguità della trama, il carattere a tratti prevedibile di certe soluzioni narrative. Ma al tempo stesso il lavoro cinematografico di Gerard Hurley si impreziosisce di momenti magici, intimisti, sofferti, capaci quindi di comunicare emozioni sincere allo spettatore, sia grazie alla capacità dell’autore di legare i sentimenti dei personaggi al paesaggio circostante, sia per la particolare bravura degli attori nell’interagire tra loro. Giova ricordare che accanto a Gerard recitano due figure leggendarie del cinema mondiale, la sempre deliziosa Lili Taylor, americana, e il gallese Karl Johnson, che qualcuno riconoscerà quale interprete di Wittgenstein e di molti altri capolavori.     

Comments are closed.

Cultura »

Il Futuro chiama a cura della Gestalt esperienziale CIG

La Gestalt esperienziale con la CIG, sabato 10 dicembre 2016 ore 9,30 la Gestalt presenta il seminario “Il Futuro chiama” presso Roma Scout Center, Largo Scautismo n. 1.
“Il Futuro chiama” – il ciclo della progettualità secondo il metodo della Gestalt esperienziale© a cura di Paolo Greco e Raffaele Appio

Musica »

Graham Nash con il suo “This Path Tonight” all’Auditorium Parco della Musica

Graham Nash con il suo “This Path Tonight” all’Auditorium Parco della Musica

Il ponte del 2 giugno non è riuscito a portare troppo lontano gli italiani e gli stranieri vista fans del mitico Graham Nash, cantautore senza tempo per la presentazione del suo nuovo disco “This Path Tonight”

Video »

Intervista Liceo Aristotele parte 2

Intervista Liceo Aristotele parte 2