Cinema

Cosa succede nel mondo del cinema con le ultime novità in questa città

Cultura

La cultura attraverso i libri che raccontano la città e il tempo

Musica

La sezione per la musica italiana e gli eventi romani

Video

I video della redazione di Romalive, interviste, servizi e approfondimenti a 360 gradi!

Home » Cultura

Italia: sempre di più un paese per vecchi

Scritto da on mercoledì, 3 Aprile 2013No Comment

svizzeraCome sono i nostri giovani? Cosa pensano? Cosa sono disposti a fare per garantirsi un futuro? Queste sono solo alcune delle domande del sondaggio proposto dal Centro di ricerche sociali sul lavoro e le nuove forme di occupazione, Work in Progress.
I dati emersi illustrano un quadro meno “choosy” di quello che molti pensano di conoscere, 800 i ragazzi coinvolti di un’età compresa tra i 18 e 35 anni e con un grado di istruzione che nel 66% degli intervistati è equivalente ad una laurea di secondo livello.
Il primo dato che emerge lampante è la disponibilità di un trasferimento all’estero, mete più ambite sono la Svizzera, la Francia e l’Inghilterra, anche se solo il 37% ha inviato un curriculum all’estero, questa volontà di espatriare potrebbe essere vista come una diretta conseguenza della legge Fornero che per il 57,6% degli intervistati ha comportato un peggioramento dell’attuale mondo lavorativo.
A peggiorare la situazione, inoltre, il sistema di Formazione, secondo il 73% dei giovani, infatti, la scuola e l’università dovrebbero essere più concrete nei loro programmi e favorire di più l’incontro con il mondo del lavoro, creare un trait d’union tra queste realtà troppo distanti.
Per quanto riguarda la ricerca del lavoro, il mezzo privilegiato è sicuramente internet anche se i giornali, gli sportelli del lavoro e le agenzie interinali continuano ad avere un’importanza rilevante.
Preoccupante la risposta alla domanda sugli eventuali guadagni che vede un 25,3% disposto anche ad essere sottopagato, un 12% disposto ad accettare il non rispetto del contratto o l’abuso di un contratto atipico e un 2% disposto a mettere da parte anche la sua integrità morale, unica consolazione rimane quel 25% che facendo probabilmente appello alla Nostra Costituzione “ art. I – L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro” e art. IV – “La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto…” ricorda come il lavoro è un diritto e per questo non si dovrebbe scendere a compromessi.

 

Comments are closed.

Cultura »

Teatro Vascello: GISELLE del Balletto di Roma dal 26 febbraio al 3 marzo

Teatro Vascello: GISELLE del Balletto di Roma dal 26 febbraio al 3 marzo

Centosettantacinque anni. Tanti ne sono passati dalla prima rappresentazione del balletto Giselle, gioiello di poesia romantica creato per il debutto parigino della ballerina italiana Carlotta Grisi. Ideato dall’artista israeliano Itamar Serussi Sahar, il primo atto ci consegna una coreografia all’insegna della potenza fisica e carnale che emerge da corpi spogli di quel vezzo pantomimico che tradizionalmente caratterizza il primo atto di Giselle

Musica »

Concerto di Natale in Vaticano: Euroma2, Sponsor Ufficiale della manifestazione canora per la Solidarietà

Concerto di Natale in Vaticano: Euroma2, Sponsor Ufficiale della manifestazione canora per la Solidarietà

Anche quest’anno, accompagnato dall’ Orchestra Universale Sinfonica Italiana diretta dal Maestro Renato Serio, con la collaborazione del Maestro Stefano Zavattoni, il cast sarà eccezionale e prevede la presenza dell’americana Dee Dee Bridgewater, una delle inarrivabili voci femminili del jazz; della statunitense Anastacia, una delle …

Video »

Intervista Liceo Aristotele parte 2

Intervista Liceo Aristotele parte 2