Cinema

Cosa succede nel mondo del cinema con le ultime novità in questa città

Cultura

La cultura attraverso i libri che raccontano la città e il tempo

Musica

La sezione per la musica italiana e gli eventi romani

Video

I video della redazione di Romalive, interviste, servizi e approfondimenti a 360 gradi!

Home » Musica

Festival Franco – Italiano di Jazz e Musiche Improvvisate: “Una striscia di Terra Feconda” XV Edizione

Scritto da on lunedì, 28 maggio 2012No Comment

Roma, Auditorium Parco della Musica – Teatro Studio – 1-5 giugno 2012 direzione artistica Armand Meignan e Paolo Damiani in collaborazione con

Ministero Beni e Attività Culturali, Ministero della Cultura Francese, Ass. Teatro Dell’Ascolto, Afijma, Fondazione Nuovi Mecenati, CNV (Centre national de la chanson, des varietés et du jazz), SACEM, Jazzmigration, SIAE.

BIGLIETTO UNICO per CIASCUNA SERA: 15 euro

Per la sua quindicesima edizione torna all’Auditorium Parco della Musica Una striscia di terra feconda, il festival franco-italiano dedicato al jazz e alle musiche improvvisate che, nell’ambito della rassegna Suona Francese, mette insieme nomi di musicisti ormai affermati e alcune delle più innovative realtà del panorama musicale dei due paesi. Fin dal suo debutto nel ’98, l’obiettivo del festival è sempre stato quello di contribuire a valorizzare gli scenari musicali sviluppatisi al di qua e al di là delle Alpi, attraverso l’incontro, spesso inedito e originale, tra musicisti italiani e francesi.

Il festival nasce nel 1998 dall’antica amicizia tra Paolo Damiani – compositore e musicista, direttore dell’Orchestre National de Jazz (ONJ) all’inizio degli anni Duemila, direttore artistico del festival “Rumori Mediterranei” di Roccella Jonica – e Armand Meignan, presidente dell’AFIJMA (Association des Festivals Innovantes en Jazz et Musiques Actuelles) e direttore dei festival di Le Mans e Nantes. La scommessa era quella di creare per la prima volta un festival che facesse da punto di incontro tra due Paesi europei, inaugurando a Roma uno spazio vitale per quelle musiche difficilmente classificabili o riconducibili alle anguste categorie di genere.

«Una striscia di terra feconda» è diventato oggi il luogo privilegiato di scambi fruttuosi tra i musicisti dei due paesi, tra i festival francesi e italiani, e il punto di partenza di creazioni musicali comuni. Le scelte artistiche di questa nuova edizione puntano sui solisti più noti e affermati senza dimenticare i giovani talenti, e promuovendo produzioni originali e prime assolute.

PROGRAMMA

1 giugno 2012

RICCARDO DEL FRA ENSEMBLE invita ALESSANDRO PATARNESI (Prima assoluta)
Riccardo Del Fra contrabbasso
Alessandro Patarnesi batteria
Gaia Possenti pianoforte
Luigi Tresca sax alto e soprano
Jonathan Bouteiller sax tenore
Olivier Miconi tromba

(Prima assoluta)
DANILO REA
piano
invita
BAPTISTE TROTIGNON
piano

 

2 giugno 2012

PARIS-ROME WORKSHOP ENSEMBLE (Prima assoluta)

Allievi dei Dipartimenti jazz e musiche improvvisate del CNSMDP e del Conservatorio di Santa Cecilia

Jonathan Bouteiller sax tenore
Olivier Miconi tromba
Philippe Maniez batteria
Luigi Tresca sax alto e soprano
Gaia Possenti pianoforte
Claudio Leone chitarra
Stefano Battaglia basso

CHIARA CASELLI voce recitante
RITA MARCOTULLI pianoforte

 

3 giugno 2012
ROBERTO GATTO

Invita

EMMANUEL BEX
Roberto Gatto batteria
Emmanuel Bex organo, piano

DANIEL MILLE QUINTET (Prima italiana)
Daniel Mille fisarmonica
Alfio Origlio pianoforte
Julien Alour flicorno
Jerome Regard contrabbasso
Andy Barron batteria

 

4 giugno 2012
JOURNAL INTIME joue Jimi Hendrix (Prima italiana)
JAZZMIGRATION:

Sylvain Bardiau tromba
Frédéric Gastard sax
Mathias Mahler trombone

LOUIS SCLAVIS “ATLAS” TRIO (Prima italiana – presentazione del nuovo progetto discografico SOURCES – ECM)
Louis Sclavis sax soprano, clarinetti
Gilles Coronado chitarra
Benjamin Moussay pianoforte, tastiera

 

5 giugno 2012
MAGIC MALIK DUO
(Prima assoluta)
Magic Malik flauto
Matthieu Chazarenc batteria

BENNI LEGGE QUENEAU (Prima assoluta)
Stefano Benni voce recitante
Nguyên Lê chitarra
Régis Huby violino
Paolo Damiani violoncello

 

Comments are closed.