Cinema

Cosa succede nel mondo del cinema con le ultime novità in questa città

Cultura

La cultura attraverso i libri che raccontano la città e il tempo

Musica

La sezione per la musica italiana e gli eventi romani

Video

I video della redazione di Romalive, interviste, servizi e approfondimenti a 360 gradi!

Home » Attualità, Cultura, Moda e Benessere, Musica

Mod-lini (parte I)

Scritto da on domenica, 10 marzo 2013No Comment

Impettiti, imballati, infiocchettati, tinti e profumati, come tanti si sentono unici, radicati ad un’idea mille volte scopiazzata, usurpata e d’ignoranza vestita. Parka verde oliva, pantaloni stretti con risvolto e “polacchine” per camuffarsi da mod in pieno stile “inglisc”.

Il mod fu un movimento culturale che si sviluppo’ nel Regno Unito, ed in particolare a Londra, agli inizi degli anni ’60. Il bollore dei fermenti giovanili esacerbava il gap generazionale, senza pero’ riuscire a trovare punti di contatto positivi. Erano affascinati dal nuovo e la loro curiosita’ bramava di nuovo sapere. Amanti della musica jazz, beat, rhythm and blues, avevano una maniacale attenzione per il look. Non c’erano delle linee guida predefinite, ma quasi tutti prendevano ad esempio lo stile italiano. Infatti i mod boys, indossavano spesso capi di sartoria italiani e non erano mai scontati. Viaggiavano in vespa e difficilmente si muovevano in gruppo.mods

Gli sviluppi del movimento, presero vie perverse e psichedeliche, grazie alla diffusione dell’uso di anfetamine e piu’ avanti de LSD, proveniente dalla California, dove stava nascendo la beat generation. Le anfetamine, all’epoca, erano legali e prescritte dal medico sottoforma di anoressizzanti, senza contare il fatto che riducevano drasticamente il bisogno di sonno e stimolando le attivita’ fisiche e cerebrali. In questo senso, i modsters poterono dedicarsi alla musica, alla danza e alle public relations, pur continuando a portare avanti le loro quotidiane occupazioni.

La diffusione in Italia, arrivo’ a fine anni ’70, con il film Quadrophenia, prodotto dagli Who e dedicato all’omonimo disco. Quest’ultimo, ispiro’ la “giovane Italia” diffondendosi soprattutto nelle grandi citta’ come: Milano, Roma, Torino…

 

Comments are closed.

Cultura »

Il Futuro chiama a cura della Gestalt esperienziale CIG

La Gestalt esperienziale con la CIG, sabato 10 dicembre 2016 ore 9,30 la Gestalt presenta il seminario “Il Futuro chiama” presso Roma Scout Center, Largo Scautismo n. 1.
“Il Futuro chiama” – il ciclo della progettualità secondo il metodo della Gestalt esperienziale© a cura di Paolo Greco e Raffaele Appio

Musica »

Graham Nash con il suo “This Path Tonight” all’Auditorium Parco della Musica

Graham Nash con il suo “This Path Tonight” all’Auditorium Parco della Musica

Il ponte del 2 giugno non è riuscito a portare troppo lontano gli italiani e gli stranieri vista fans del mitico Graham Nash, cantautore senza tempo per la presentazione del suo nuovo disco “This Path Tonight”

Video »

Intervista Liceo Aristotele parte 2

Intervista Liceo Aristotele parte 2