Cinema

Cosa succede nel mondo del cinema con le ultime novità in questa città

Cultura

La cultura attraverso i libri che raccontano la città e il tempo

Musica

La sezione per la musica italiana e gli eventi romani

Video

I video della redazione di Romalive, interviste, servizi e approfondimenti a 360 gradi!

Home » Cinema, Primo piano

ATM – Trappola mortale

Scritto da on giovedì, 16 Febbraio 2012No Comment

Dalle nostre parti lo si potrebbe considerare tanto il thriller dell’era Monti che quello dell’era Alemanno. In ATM – Trappola mortale il terrore ha difatti una doppia origine: le banche da un lato e il grande freddo dall’altro! Scherzi a parte, le premesse del film diretto da David Brooks e scritto da Chris Sparling suonavano indubbiamente originali, nell’associare a temperature ampiamente sotto lo zero una terribile minaccia, indirizzata nientemeno che agli occupanti di una cabina bancomat. Visti i tempi che viviamo, associare un pericolo mortale al prelevare denaro da un bancomat rappresenta, senza dubbio, un’intuizione notevole… peccato, però, che a simili presupposti sia seguita una realizzazione con meno mordente e meno coerenza narrativa, rispetto a quanto ci si sarebbe potuti aspettare da una scelta così sottilmente ansiogena. Sono principalmente i dialoghi a smontare sul più bello la tensione, nel senso che i tre bancari in libera uscita (e cioè il protagonista accompagnato dal suo migliore amico, tipetto casinista e invadente, nonché dalla ragazza con cui ci aveva provato goffamente a una festa) ce la mettono davvero tutta a coprirsi di ridicolo, sia quando chiacchierano del più o del meno sia in prossimità del rischio non preventivato, da cui si faranno travolgere in una nottata che resterà indimenticabile… quantomeno per chi di loro è destinato a sopravvivere, s’intende!

L’ambito, insomma, si approssima a quello del classico “slasher” all’americana in cui un gruppetto formato da giovanotti di belle speranze, ma con poco sale in zucca, si fa massacrare dallo psicopatico di turno. Gli scambi di battute tra i protagonisti sono forse, come si diceva, più scontati ed ingenui del previsto. Ma la situazione in sé pone comunque lo spettatore in uno stato di inquietudine, visto il carattere a dir poco inusuale che spinge a mettere in discussione la “sicurezza” di abitudini consolidate. L’azione si svolge in Canada. Per la precisione a Winnipeg, città in cui le temperature d’inverno possono diventare veramente glaciali, altro che le sporadiche nevicate del febbraio capitolino. E i tre sventurati protagonisti hanno la pessima idea di fermarsi, per fare rifornimento al bancomat, nella struttura posta al centro di un ampio e isolato parcheggio, dall’aria un po’ sinistra. E per loro sarà l’inizio dell’inferno, poiché all’assedio di un misterioso individuo, pronto ad uccidere senza apparenti ragioni, finirà per sovrapporsi il contemporaneo assedio del gelo: con la temperatura esterna che comincia ad abbassarsi inesorabilmente, anche dietro quelle vetrate che dovrebbero proteggere il più isolato sportello bancomat di tutto il Nordamerica (apprezzabile il lavoro di regista e art director, che da quanto abbiamo saputo ne hanno fatto installare uno appositamente lì) la situazione si farà presto drammatica. E i tre amici, che così hanno preferito barricarsi nel luogo ritenuto più sicuro, ne passeranno di cotte e di crude. Ecco, di buono nel film vi è senz’altro il progressivo venir meno di ogni sicurezza (col ruolo ambiguo della videocamera posta in prossimità del bancomat, a suggellare il tutto), mentre il senso di claustrofobia insito nella situazione ripropone (seppure in forma non altrettanto incisiva e compiuta) le personali ossessioni di Chris Sparling, che come sceneggiatore aveva già contribuito alla riuscita del ben più inquietante Buried – Sepolto.

Comments are closed.

Cultura »

Teatro Vascello: GISELLE del Balletto di Roma dal 26 febbraio al 3 marzo

Teatro Vascello: GISELLE del Balletto di Roma dal 26 febbraio al 3 marzo

Centosettantacinque anni. Tanti ne sono passati dalla prima rappresentazione del balletto Giselle, gioiello di poesia romantica creato per il debutto parigino della ballerina italiana Carlotta Grisi. Ideato dall’artista israeliano Itamar Serussi Sahar, il primo atto ci consegna una coreografia all’insegna della potenza fisica e carnale che emerge da corpi spogli di quel vezzo pantomimico che tradizionalmente caratterizza il primo atto di Giselle

Musica »

Concerto di Natale in Vaticano: Euroma2, Sponsor Ufficiale della manifestazione canora per la Solidarietà

Concerto di Natale in Vaticano: Euroma2, Sponsor Ufficiale della manifestazione canora per la Solidarietà

Anche quest’anno, accompagnato dall’ Orchestra Universale Sinfonica Italiana diretta dal Maestro Renato Serio, con la collaborazione del Maestro Stefano Zavattoni, il cast sarà eccezionale e prevede la presenza dell’americana Dee Dee Bridgewater, una delle inarrivabili voci femminili del jazz; della statunitense Anastacia, una delle …

Video »

Intervista Liceo Aristotele parte 2

Intervista Liceo Aristotele parte 2