Benessere e Salute

Notizie per aiutare a vivere meglio e orientarsi nel mondo delle notizie

Cinema

Cosa succede nel mondo del cinema con le ultime novità in questa città

Cultura e Libri

La cultura, i libri, per acquisire conoscenza e vivere meglio.

Design e Moda

Il mondo del Design, della Moda, delle offerte, come cambia. Dagli acquisti nel negozio agli acquisti online

Psicologia

In questa categoria verranno affrontate tematiche riguardanti i giovani e gli adolescenti.

Home » Cinema

Buried. Anche sottoterra c’è linea

Scritto da on giovedì, 30 Settembre 2010No Comment

Ryan Reynolds in una scena del film

Raramente usciti da una sala cinematografica si ha una tale sensazione di benessere, per cui basta anche solo una boccata d’aria all’aperto, o fare qualche passo in strada muovendosi liberamente ormai lontani dal buio della proiezione, a farci sentire davvero meglio. Questa è la prima impressione, almeno per chi scrive, che lascia Buried, film d’esordio di Rodrigo Cortes, che sta già imperversando come fenomeno mediatico, in Usa e non solo.

Il progetto di Buried, più che ambizioso risulta megalomane: ovvero raccontare una storia di novanta minuti servendosi di un solo attore imprigionato in una bara, larga quanto basta per respirare, e muovere arti e busto, seppur con grossa fatica, e non portar mai fuori la videocamera da questo claustrofobico set. Come scoprire perché quell’uomo è finito lì? E poi come farà a liberarsi e a non marcire nella propria tomba? Cortes si complica la vita, alzando la posta della sfida, ovvero essere iperrealista: a mo’ di videogioco il protagonista non esiste al di fuori del luogo dove è situato, e degli oggetti che ha con sé, lo spazio e il tempo sono quelli effettivi, nessuna concessione a salti temporali, né a flashback. Ma la scommessa non è quella di fare un film sperimentale, e vi sono state ovviamente opere molto più estreme o minimali di questa, bensì quella di piacere al grande pubblico, di costruire un film di narrazione, la cui trama sia avvincente come un thriller di Hitchcock. E la carota per lo spettatore ha un solo nome: il telefonino. L’oggetto magico che Hitchcock mai avrebbe potuto usare, diventa a tutti gli effetti il protagonista insieme al sepolto vivo del film, che appunto ne ha in dotazione uno nel suo microtugurio. Gli squilli, le vibrazioni di speranza, i nomi in rubrica più o meno ignoti, chiamate a vuoto, segreterie beffarde, e infine le voci di chi non vediamo mai sullo schermo; voci fredde, rassicuranti, o nervose, sempre misteriose.

Grazie al telefonino, dunque il mistero si svela pian piano per lo spettatore: il nostro sventurato prigioniero è un autista che lavora in Iraq per una delle tante società americane che si sono insediate lì dopo la caduta di Saddam, e l’ultima cosa che ricorda è un attacco di ribelli iracheni. Con l’andare avanti dell’indagine affiora l’altra faccia del film, ovvero che quello di Cortes non è solo un intento spettacolare passando per il thriller psicologico, ma anche un modo, ancora una volta dopo i recenti Green Zone e The Hurt Locker, di punzecchiare gli Stati Uniti e la loro politica di guerra. Lo fa in un modo prettamente satirico e surreale, e la sceneggiatura diventa un puzzle kafkiano, per cui il protagonista diventa sempre più vittima di assurdi meccanismi burocratici, finchè in alcune telefonate si sprofonda nel grottesco.

La grande capacità e intelligenza di Buried viaggia su una doppia corsia: quella di una trama appassionante, e non priva di riflessioni politiche, e quella che solca a livello epidermico per cui lo spettatore preso da ciò che accade, anch’esso prigioniero come il bravissimo attore Ryan Reynolds, continua a sentire uno strano caldo e il respiro un po’corto, sensazioni che non vengono propriamente dalla climatizzazione della sala, ma da   suggestione da celluloide.

Comments are closed.

Cultura e Libri »

Euroma2 presenta: “Il Grande Libro delle Erbe Medicinali per le Donne

Euroma2 presenta: “Il Grande Libro delle Erbe Medicinali per le Donne

EUROMA2 PRESENTA
“Il GRANDE LIBRO DELLE ERBE MEDICINALI PER LE DONNE”
Euroma2 la aperto il nuovo anno al femminile, con un appuntamento del Caffè Letterario tutto dedicato al benessere delle donne. Il 17 gennaio l’autrice Roberta …