Benessere e Salute

Notizie per aiutare a vivere meglio e orientarsi nel mondo delle notizie

Cinema

Cosa succede nel mondo del cinema con le ultime novità in questa città

Cultura e Libri

La cultura, i libri, per acquisire conoscenza e vivere meglio.

Design e Moda

Il mondo del Design, della Moda, delle offerte, come cambia. Dagli acquisti nel negozio agli acquisti online

Psicologia

In questa categoria verranno affrontate tematiche riguardanti i giovani e gli adolescenti.

Home » Cinema

Cinema e turismo enogastronomico

Scritto da on giovedì, 16 Settembre 2010No Comment

Abbiamo avuto il piacere di conoscere Alessandro Montermini, direttore del Borgo Scopeto Relais, all’anteprima di una romantica commedia anglosassone, “Letters to Juliet”, il cui appeal cinematografico è stato da noi commentato in un precedente articolo. Ma oltre all’aspetto sentimentale, ben esemplificato dai continui riferimenti alla storia di Romeo e Giulietta, ve ne è un altro nel film che ci ha molto colpito: quello godereccio! Da Verona alle colline del Chianti, il film diretto da Gary Winick con protagonisti Gael Garcia Bernal, Amanda Seyfried, Vanessa Redgrave, Christopher Egan e Franco Nero è risultato anche un valido tour enogastronomico nel cuore della penisola, alla scoperta di vini pregiati e delizie per il palato.

Grazie al buon Montermini, che il giorno dell’anteprima ha festosamente accolto la stampa con bottiglie di vino della tenuta Caparzo, nella fattispecie un ottimo Brunello di Montalcino del 2005, abbiamo potuto esplorare più agevolmente questo mondo foriero di sorprese e di tentazioni; anche perché i fantastici ambienti del Borgo Scopeto Relais, angolo di Toscana decisamente da scoprire, hanno ospitato alcune scene piuttosto importanti del film. Sentiamo cosa ci ha detto Alessandro Montermini in proposito. 

– Puoi parlarci in breve delle attività che caratterizzano il Borgo Scopeto Relais?

Già il nome della nostra struttura “tradisce” le nostre caratteristiche; siamo in presenza di un borgo “vero” che ha vissuto di vita contadina fino a 15 anni fa. Un’attenta ristrutturazione ha dato valore e pregio ad un immobile storico ed oggi abbiamo 58 camere, un ristorante, una Spa e un centro congressi. Abbiamo accolto fin dall’inizio dell’attività nel 2005 importanti eventi legati soprattutto al monto dell’auto: la nuova Mercedes Classe E Coupè o la Ferrari California sono state presentate a Borgo Scopeto. Oggi una selezionata clientela individuale sceglie il nostro borgo come meta per le proprie vacanze.

– In quali circostanze è nato e come si è sviluppato, poi, il rapporto tra Borgo Scopeto Relais e una produzione internazionale, peraltro ricca di star, come quella del film “Letters to Juliet”?

Ci sono dei professionisti incaricati dai produttori che vanno alla ricerca delle location che potrebbero essere adatte alla sceneggiatura del film. Noi siamo stati contattati perché l’ambientazione di una delle nostre piscine rispondeva alle caratteristiche richieste. Ci sono stati più sopralluoghi che hanno coinvolto in modo sempre più diretto lo scenografo e il regista ; una volta entrati in contatto con Borgo Scopeto hanno visto che la struttura poteva essere adatta anche per altre scene. Così da una sola scena in piscina siamo arrivati a nove scene , interni ed esterni e il regista , gli attori ed i produttori sono rimasti con noi per 17 giorni.

– Puoi testimoniarci qualche situazione curiosa e interessante avvenuta sul set, quando si è girato da voi?

La mia grande preoccupazione era per i clienti cha erano a Borgo Scopeto nei giorni delle riprese. Abbiamo cercato di minimizzare i disagi e con mia grande sorpresa, nonché sollievo, ho visto i nostri clienti affascinati da tutto quello che stava succedendo. Alcuni hanno partecipato alle riprese come comparse, facendo un qualcosa che forse mai nella vita avrebbero pensato di fare. Gli attori sono stati poi i nostri clienti e quando non erano impegnati con le riprese hanno goduto dei servizi e delle opportunità che Borgo Scopeto offre; ho passato per esempio una domenica piacevolissima con Christopher Egan accompagnandolo alla scoperta di Caparzo , la nostra cantina a Montalcino. L’esperienza si è poi conclusa con una grande festa, che celebrava la fine delle riprese del film, all’intero delle cantine di Borgo Scopeto. Anche in quell’occasione “le star” hanno condiviso con tutta la troupe, le comparse e lo staff di Borgo Scopeto una magnifica serata sotto le stelle del Chianti.

– Pensi che il rapporto tra cinema, vino e buona tavola, elementi questi ultimi che hanno senz’altro un loro ruolo nel lungometraggio in questione, possa risultare stimolante e proficuo?

Il cinema è la trasposizione “rivista e corretta” della nostra vita. Oggi c’è senza dubbio una sensibilità diversa nei confronti del vino e della tavola. Il film apre a degli scenari che si stanno già manifestando, oggi il turismo enogastronomico è una realtà importante  e senza dubbio il film stimolerà l’interesse nei confronti dei prodotti che sono i protagonisti del film. Abbiamo già ricevuto richieste e prenotazioni da persone che hanno visto il film, soprattutto dagli Stati Uniti dove il film è uscito a maggio. Oltre al turismo enogastronomico siamo in presenza ad un’altra nicchia di mercato chiamata “cine-turismo”. Mi auguro che ci possano essere nuove occasioni per alimentare questo filone. 

Comments are closed.

Cultura e Libri »

Euroma2 presenta: “Il Grande Libro delle Erbe Medicinali per le Donne

Euroma2 presenta: “Il Grande Libro delle Erbe Medicinali per le Donne

EUROMA2 PRESENTA
“Il GRANDE LIBRO DELLE ERBE MEDICINALI PER LE DONNE”
Euroma2 la aperto il nuovo anno al femminile, con un appuntamento del Caffè Letterario tutto dedicato al benessere delle donne. Il 17 gennaio l’autrice Roberta …