Benessere e Salute

Notizie per aiutare a vivere meglio e orientarsi nel mondo delle notizie

Cinema

Cosa succede nel mondo del cinema con le ultime novità in questa città

Cultura e Libri

La cultura, i libri, per acquisire conoscenza e vivere meglio.

Design e Moda

Il mondo del Design, della Moda, delle offerte, come cambia. Dagli acquisti nel negozio agli acquisti online

Psicologia

In questa categoria verranno affrontate tematiche riguardanti i giovani e gli adolescenti.

Home » Comune di Roma

Assestamento di Bilancio e DPF varati dalla giunta comunale

Scritto da on martedì, 9 Novembre 2010No Comment

L’ok della Giunta capitolina è arrivato nel pomeriggio di sabato, cogliendo di sorpresa l’altra metà del Campidoglio. Di certo, dalla maggioranza diranno che la Giunta è stata fortemente impegnata a tirar le somme fra risparmi e tagli, così come indicato dalle linee guida volute dall’Assessore al Bilancio Maurizio Leo, soldi freschi da dirottare sul piano investimenti.

Come in tre mesi – perché questo è il tempo che è passato dall’approvazione del bilancio per il 2010 – si sia arrivati a tanto rigore, un rigore che cifra 193mln di euro per gli investimenti, è ancora da chiarire. Ciò che si sa, invece, è come dal Colle abbiano deciso di usarli.

La voce più sostanziosa è quella che riguarda l’acquisto di nuovi treni per la linea B della metropolitana (150mln). Ci saranno poi gli interventi sulla viabilità per il sottopasso di Malafede in Via Cristoforo Colombo e per la realizzazione della rotatoria in Via Ardeatina (13,4mln); la riqualificazione del Pincio (2mln); la manutenzione urbana (6,3mln); gli interventi a favore dell’ambiente e del verde (2,1 mln); le scuole (1,7 mln circa); sovrintendenze e patrimonio artistico (circa 2,5 mln). Per la parte corrente, invece, la Giunta registra un risparmio di 29,3mln di euro. Le minori spese rispetto al bilancio di previsione approvato a fine luglio ammontano, infatti, a 24mln di euro, grazie soprattutto alla rinegoziazione dei fitti passivi sui contratti immobiliari eseguita dalla Centrale Unica per gli acquisti, dal contenimento degli oneri finanziari sul medio periodo e dalla reinternalizzazione delle attività di gestione delle pratiche di condono edilizio affidate sino a giugno 2010 a Gemma Spa. I risparmi ottenuti saranno utilizzati per finanziare i servizi sociali (7,2mln di euro); la cultura; le attività di prevenzione e sicurezza (1 mln di euro circa di straordinari per la Polizia Municipale), la manutenzione dei monumenti e gli interventi a favore delle strutture territoriali dei municipi (1mln di euro circa per il cofinanziamento dei progetti locali, somme urgenze e debiti fuori bilancio).

Rendere i conti di Roma virtuosi e far cresce la città sono i punti cardine del DPF 2011-2013. “La stabilizzazione contabile attuata nel 2010 per il riequilibrio strutturale tra spese e entrate sarà, però, accompagnata dall’avvio di una politica di sviluppo in grado di coniugare l’oculatezza nella gestione delle risorse con la migliore selezione della destinazione della spesa e degli investimenti. Le strategie di bilancio continueranno a essere ispirate dalla razionalizzazione dei processi di spesa e dall’ottimizzazione delle entrate basata, innanzitutto, su una sempre più efficace attività di contrasto all’elusione e all’evasione dei tributi locali”. Commenta l’Assessore Leo: “L’approvazione da parte della Giunta dell’assestamento di Bilancio consente di liberare ulteriori risorse a beneficio dei cittadini e degli investimenti e dimostra che l’attenta politica di risparmio e di gestione dei conti capitolini condotta negli ultimi due anni sta dando i suoi primi concreti frutti anche sul versante della crescita della Città e del potenziamento dei servizi”.

Perplessità le solleva Alfredo Ferrari, vice presidente PD della commissione bilancio del Comune: “Ciò che Alemanno e la sua Giunta presentano come nuovo, non modifica in alcun modo l’architettura finanziaria della città e, a fare da cartina tornasole, è proprio quanto accade nei municipi. Se il Sindaco ritiene di poter attuare il decentramento incrementando con solo 1mln di euro quanto i municipi hanno a disposizione, stiamo freschi. La cultura ed il sociale sono di competenza municipale: spero dunque che i fondi arrivino direttamente nelle casse dei minisindaci e non finiscano ai dipartimenti. Va precisato, poi, che è stato necessario intervenire sulle somme urgenze e debiti fuori bilancio perché, in precedenza, il capitolo di spesa è stato dall’amministrazione centrale del tutto cancellato”.

Fatto salvo il gioco delle parti nei commenti, bisogna aspettare che entrambi i documenti vengano discussi dall’Assemblea Capitolina per sapere se e come verranno modificati.

di Donatella D’Acapito

Comments are closed.

Cultura e Libri »

Euroma2 presenta: “Il Grande Libro delle Erbe Medicinali per le Donne

Euroma2 presenta: “Il Grande Libro delle Erbe Medicinali per le Donne

EUROMA2 PRESENTA
“Il GRANDE LIBRO DELLE ERBE MEDICINALI PER LE DONNE”
Euroma2 la aperto il nuovo anno al femminile, con un appuntamento del Caffè Letterario tutto dedicato al benessere delle donne. Il 17 gennaio l’autrice Roberta …