Benessere e Salute

Notizie per aiutare a vivere meglio e orientarsi nel mondo delle notizie

Cinema

Cosa succede nel mondo del cinema con le ultime novità in questa città

Cultura e Libri

La cultura, i libri, per acquisire conoscenza e vivere meglio.

Design e Moda

Il mondo del Design, della Moda, delle offerte, come cambia. Dagli acquisti nel negozio agli acquisti online

Psicologia

In questa categoria verranno affrontate tematiche riguardanti i giovani e gli adolescenti.

Home » Cultura e Libri

“Cinecittà Si mostra, ma poco…”

Scritto da on lunedì, 2 20 Maggio11No Comment

“La fabbrica dei sogni”, questa la principale definizione di Cinecittà da sempre e nessuno lo metterebbe in dubbio. Con quel suo alone di mistero e di curiosità che emana e crea in ognuno di noi finalmente dal 29 Aprile gli Studios hanno aperto le loro porte al pubblico. Si paga il biglietto di dieci euro, si segue una piantina e si entra nel mondo dove la fantasia si mescola alla realtà. I più grandi registi ci hanno lavorato, anche dall’Estero Cinecittà è scelta come set. La mostra perciò ci permette di scoprire i retroscena dei film, come nascono  fino alla loro realizzazione. Tutto questo affascinante, ma c’è un “però”. Un po’ esigua davvero la mostra e il pubblico a parte qualche direttiva generica è lasciato a sé stesso, guide praticamente assenti. Sicuramente la sezione  più curata è la Palazzina presidenziale dove vengono descritte le fasi per realizzare un film, con i costumi più belli e gli oggetti di scena dei capolavori cinematografici che hanno fatto la storia. Splendidi i costumi e gli originali bozzetti, come l’abito di Alberto Sordi de Il marchese del Grillo, o come quello della giunonica Anita Hekberg ne La dolce Vita. Invece poca premura per la Palazzina Fellini, alquanto disordinato il tutto. Anche qui nessun Cicerone. Per non parlare poi della spoglia area ristoro mista all’area souvenir, poco o niente. Il tour termina con la visita ai set, con servizio navetta (che però non è sopraggiunta). Ci sono i set di film come Gangs of New York e della serie tv Rome, dal punto di vista scenografico davvero realistico e ben costruito, ma anche qui nessun Cicerone ad attenderci. Dando un voto generale ci fermiamo ad una sufficienza scarsa, ma dobbiamo dire che questo è stato un progetto pilota del Promotore della mostra, Giuseppe Basso che ha avuto un’idea davvero eccellente, per porre le basi di un “museo del cinema” permanente e che qui dove c’è la “fabbrica dei sogni” non poteva mancare. Quindi ci auguriamo che il progetto futuro sia seguito e curato al meglio.

Corinna Lucianelli.

Comments are closed.

Cultura e Libri »

Regala un buono regalo e fai scegliere ai tuoi cari

Regala un buono regalo e fai scegliere ai tuoi cari

Ti è mai capitato di aver perso molto tempo e denaro alla ricerca di un regalo che poi il destinatario non ha gradito?
Semplice e veloce da utilizzare, le Gift Card evitano queste situazioni e regala …