Cinema

Cosa succede nel mondo del cinema con le ultime novità in questa città

Cultura

La cultura attraverso i libri che raccontano la città e il tempo

Musica

La sezione per la musica italiana e gli eventi romani

Video

I video della redazione di Romalive, interviste, servizi e approfondimenti a 360 gradi!

Home » Cultura

Mini arena Pigneto Via F.De Magistris, 21 Settimana dal 4 al 10 luglio 2011

Scritto da on giovedì, 30 Giugno 2011No Comment


Alphaville Cineclub propone, dal 4 al 10 luglio 2011 nello spazio estivo della Mini Arena Pigneto in Via F.De Magistris 21, sette giorni dedicati interamente al rapporto, da sempre viscerale e necessario, tra il cinema e le periferie.

Due sono gli appuntamenti della settimana; lunedì 4 luglio, in occasione dei 50 anni dall’uscita nelle sale di Accattone (1961-2011), opera prima di Pier Paolo Pasolini dedicata alla Grazia e girata prevalentemente al Pigneto, Alphaville presenta la visione integrale del lungometraggio, anticipata dalle testimonianza del ragazzo di vita Paolo Pilati conosciuto all’epoca come Tarzanetto, dalla proiezione del cortometraggio Vite di legno di Francesco Tellico (direttamente dal 48 filmfest 2011) presente in sala con il cast, dalla lettura di racconti e, a seguire, dalla visione di documentari, contemporanei e trailer d’epoca.

Da martedì 5 luglio la rassegna Figli di Accattone proporrà una selezione di lungometraggi ‘ai margini’ di alcune città europee e non solo,precedute da cortometraggi sul tema e brevi note introduttive.

Secondo Pier Paolo Pasolini “…I miei eroi sono sempre dei perdenti, perché sono sconfitti in anticipo, cosa che costituisce uno degli ingredienti principali della tragedia. Da molto tempo si sono messi d’accordo con la morte e la disfatta, per cui non gli resta molto da perdere. Essi non hanno più apparenze, né illusioni da salvare, e così rappresentano l’avventura disinteressata, quella da cui non si trae alcun profitto al di là della semplice soddisfazione d’essere ancora vivi”. Questa affermazione, che contiene tutti gli Accattoni dell’immaginario in movimento, è senz’altro il manifesto di quel cinema  delle periferie di cui Pasolini è stato uno dei più accorati e sofferti cantori.

Per periferia si intende, tuttavia, non solo la periferia urbana, ma anche la periferia, o le periferie, del mondo, di quei paesi in cui la guerra e la povertà ancora imperversano, come l’Africa, il Medio Oriente, ma pure il Sud America con le sue sacche di miseria, oltre alle periferie delle grandi metropoli di cui, per fare solo un esempio, il neorealismo italiano ha raccontato e mostrato ogni piega ed ogni angolo, in particolare in zone come il Pigneto, la Marranella, Torpignattara ed il Quadraro.

Gli autori cinematografici che si sono occupati di raccontare le periferie, intese in tutte le accezioni cui abbiamo fatto riferimento, hanno ad un tempo privilegiato, nei loro lavori, l’analisi dell’animo dei personaggi a cui hanno dato vita, delle loro solitudini esistenziali, dei loro piccoli e grandi drammi individuali e di quelli collettivi legati alla situazione economico-sociale di riferimento.

Il cinema dei bordi privilegia gli aspetti meno superficiali della realtà di cui si occupa, una realtà ai margini della società, oscura e per molti silenziosa, che aspetta solo di urlare la sua rabbia e la sua ansia di essere ascoltata, smascherando la smania di cambiamento e di ascesa sociale, che i registi e gli sceneggiatori raccontano assecondando la cifra stilistica propria di ognuno.

Il popolo delle periferie urbane e del mondo, in definitiva, deve molto agli autori del cinema che hanno voluto dar loro voce attraverso le proprie opere; non che agli artisti e ai registi in genere si debba affidare il compito di cambiare il mondo ma, almeno, di raccontarlo – compito non meno degno di importanza – per farlo uscire dall’oblio generalizzato e sempre più diffuso.

La settimana Figli di Accattone inizia dunque martedì 5 luglio con la visione di Canicola (2001), descrizione di storie ordinarie e dunque mostruose di personaggi di tre generazioni alla periferia di Vienna. Premio della giuria per il regista Ulrich Seidl a Venezia 2001.

Mercoledì 6 è prevista la proiezione di Tutto o niente (2002) di Mike Leigh, analisi di sottoproletariato urbano nel quartiere londinese di Hackney davvero ai limiti del reale come da tradizione del regista, giovedì 7 torniamo in Italia con Amore tossico (1983) di Claudio Caligari, cinema -verità ambientato a Ostia in cui gli interpreti sono giovani drogati sul serio e l’aria che si respira è postpasoliniana relativamente al rispetto che il regista mostra verso le storie narrate, venerdì 8 si passa per il Bronx (1993), atto unico di Chazz Palminteri per la prima regia di Robert De Niro  racconto del il ‘sodalizio’ gangsteristico tra il piccolo Calogero e il delinquente Sonny.

Doppio appuntamento sabato 9 luglio; alle 21.00 è Napoli a fare da sfondo alla storia di Rosario in Certi Bambini (2004) dei fratelli Fazzi, 2 Globi d’oro alla trasposizione del romanzo di Diego De Silva in cui sorprendente è la delicatezza degli autori nel raccontare un’infanzia rapita nel nome della camorra. A seguire sarà possibile (ri)vedere L’odio (1995) di Mathieu Kassovitz, venti ore nella vita di tre giovani proletari alla deriva nella periferia parigina di Muguets e Palma d’oro a Cannes per la regia. Ed infine, domenica 10, la rassegna border Figli di Accattone si chiuderà con la proiezione di City of God (2001), rapporto ad alta tensione sulla criminalità giovanile agli estremi margini di Rio De Janeiro, girato in 16 e 35 mm, montato a ritmo frenetico, interpretato da 110 ragazzi e adulti non professionisti.

4 luglio ore 21.00: ‘Mò sto bene’ , i 50 anni di Accattone (1961-2011)

5/10 luglio ore21.00: Figli di Accattone, rassegna dedicata alle periferie

Comments are closed.

Cultura »

Bambini a lezione di Primo Soccorso e Sicurezza Stradale per la VII Edizione del PROGETTO YOUNG

Bambini a lezione di Primo Soccorso e Sicurezza Stradale per la  VII Edizione del  PROGETTO YOUNG

Nel weekend del 30 e 31 Marzo l’Università Tor Vergata porta a Euroma2 l’iniziativa “L’Ospedale dei Pupazzi”
Prosegue il progetto ideato ed organizzato da Euroma2 per l’Educazione Civica, indirizzato agli alunni delle Scuole elementari di Roma, perpuntare l’attenzione sui valori …

Musica »

Concerto di Natale in Vaticano: Euroma2, Sponsor Ufficiale della manifestazione canora per la Solidarietà

Concerto di Natale in Vaticano: Euroma2, Sponsor Ufficiale della manifestazione canora per la Solidarietà

Anche quest’anno, accompagnato dall’ Orchestra Universale Sinfonica Italiana diretta dal Maestro Renato Serio, con la collaborazione del Maestro Stefano Zavattoni, il cast sarà eccezionale e prevede la presenza dell’americana Dee Dee Bridgewater, una delle inarrivabili voci femminili del jazz; della statunitense Anastacia, una delle …

Video »

Intervista Liceo Aristotele parte 2

Intervista Liceo Aristotele parte 2