Attualità

Viaggio nei fatti di cronaca della capitale e dei vari municipi

Cinema

Cosa succede nel mondo del cinema con le ultime novità in questa città

Cultura

La cultura attraverso i libri che raccontano la città e il tempo

Moda e Benessere

La cultura del bello a tutto tondo: bellezza, benessere, dentro e fuori. La rendenza della moda e de benessere in ogni suo aspetto

Psicologia

In questa categoria verranno affrontate tematiche riguardanti i giovani e gli adolescenti: disturbi dell’apprendimento, cyberbullismo e promozione del benessere.

Home » Primo piano

Al teatro Palladium dal 31 Gennaio al 12 Febbraio Ascanio Celestini in "Pro Patria"

Scritto da on venerdì, 20 Gennaio 2012No Comment
How to win back your ex

da martedì 31 gennaio a domenica 12 febbraio, ore 20.30

how to get your ex girlfriend back

“I morti e gli ergastolani hanno una cosa in comune, non temono i processi.  I morti perché non possono finire in galera. Gli ergastolani perché dalla galera non escono più”. Ascanio Celestini con pro patria senza prigioni, senza processi celebra il 150° anniversario dell’Unità d’Italia, e naturalmente lo fa a modo suo: ironia e acido sarcasmo fanno da sponda alla sua vena di poetica fiabesca,  per arrivare a scoprire che di Risorgimento non ce ne è uno solo, ma addirittura tre.  Punto di partenza per guardare indietro fino alla Repubblica Romana del 1849 è un carcere dei nostri giorni,  dove i libri sono pochi e spesso molto vecchi: un ergastolano, che di tempo per leggere ne ha parecchio,  si trova a farsi la sua formazione politica su polverose edizioni di “Guerra combattuta in Italia negli anni 1848-'49”  di Carlo Pisacane, sulle lettere di Ciro Menotti o dei fratelli Bandiera, oppure su “Memorie politiche” di Felice Orsini.

lone star auto insurance

Scopre così che «Quel Risorgimento di cui ha tanto sentito parlare – spiega Celestini –  è stata una storia di lotta armata e galera, che i combattenti erano ragazzi tra i 18 e i 25 anni finiti in cella,  al campo santo o con il tempo al governo». Se da una parte è significativa la scelta di quella Repubblica Romana soffocata nel sangue, alla quale partecipò il fior fiore della gioventù liberale e rivoluzionaria italiana -allora i liberali erano rivoluzionari -, per Celestini è il modo anche per parlare del passato più recente e poi perfino dell’attualità.
Dopo gli spettacoli ambientati in manicomio, in campi di sterminio e nella fabbrica degli incidenti sul lavoro, con il carcere l’attore e drammaturgo romano ritrova uno di quei luoghi limite,
dove la vita acquista una luce diversa e un significato particolare. Chiuso in una immaginaria cella di 2 metri per 2, ecco allora che attraverso la parola e il racconto Celestini crea scene e scenografie, evoca in vita persone del passato e del presente, vere e immaginarie. E avverte il pubblico: «Lo spettatore dovrebbe sentire che il racconto, il personaggio parla di tutti, di tutti noi, e non di sé».

di Ascanio Celestini
suono Andrea Pesce
organizzazione Associazione Culturale Lucciola, Paolo Gorietti, Marianna Pezzini

option trading strategies

una produzione Fabbrica

zp8497586rq
zp8497586rq
zp8497586rq
jfdghjhthit45

Comments are closed.

Cultura »

Il Caffè Letterario di Euroma2 presenta: “E poi venne il coraggio.

Il Caffè Letterario di Euroma2   presenta:  “E poi venne il coraggio.

Il Caffè Letterario di Euroma2 
presenta:
“E poi venne il coraggio.
Storie di mamme che combattono il buio”
il libro di Roberto Scanarotti
in collaborazione con il Sant’Alessio
Venerdì 25 ottobre, alle ore 18:00, nello spazio del Caffè Letterario del Centro …