Benessere e Salute

Notizie per aiutare a vivere meglio e orientarsi nel mondo delle notizie

Cinema

Cosa succede nel mondo del cinema con le ultime novità in questa città

Cultura e Libri

La cultura, i libri, per acquisire conoscenza e vivere meglio.

Design e Moda

Il mondo del Design, della Moda, delle offerte, come cambia. Dagli acquisti nel negozio agli acquisti online

Psicologia

In questa categoria verranno affrontate tematiche riguardanti i giovani e gli adolescenti.

Home » Primo piano

Il ratto dal serraglio di Mozart al Teatro dell’Opera in un allestimento firmato Graham Vick

Scritto da on lunedì, 4 20 Aprile11No Comment

Da martedì 12 aprile (ore 20.30) torna, dopo quasi 40 anni di assenza, al Teatro dell’Opera di Roma l’Oriente colorato di favola e turcherie de Il ratto dal serraglio (Die Entführung aus dem Serail) di Wolfgang Amadeus Mozart, la messa in scena sarà in lingua originale con sovratitoli in italiano. Per questo nuovo allestimento sul podio dell’Orchestra del Teatro dell’Opera salirà Gabriele Ferro. Nel cast Maria Grazia Schiavo/Claudia Boyle (Konstanze), Rodney Clarke (Selim), Charles Castronovo/Antonio Poli (Belmonte), Beate Ritter (Blonde), Cosmin Ifrim (Pedrillo), Jaco Hujipen (Osmin). Scene e costumi sono ideati da Richard Hudson, vincitore di numerosi premi internazionali. Maestro del Coro del Teatro dell’Opera, Roberto Gabbiani. Dopo il debutto di martedì 12 aprile (ore 20.30), Il ratto dal serraglio sarà replicato giovedì 14 aprile (ore 20.30), sabato 16 aprile (ore 18.00), domenica 17 aprile (ore 17.00) e martedì 19 aprile (ore 20.30).
La regia è firmata dal britannico Graham Vick, artista di fama internazionale tra i più applauditi interpreti dell’opera lirica in Europa e negli Stati Uniti per il suo stile innovatore, ma sempre attento alla comprensione del testo. Mozart è tra gli autori che più ha frequentato, nell’arco di trent’anni di carriera. In questo nuovo allestimento de Il ratto dal serraglio il lavoro del regista britannico è concentrato sulla parola, sulla lingua, il tedesco, che il genio salisburghese scelse per il suo primo significativo capolavoro del teatro musicale, scritto sul modello del Singspiel. “La cosa più importante – spiega Vick – è di non tentare di avvicinare l’opera a noi, ai nostri giorni; perché lo ha già fatto Mozart, che essendo un genio assoluto, ha tutto previsto e tutto scritto. Tutti i sentimenti, tutte le motivazioni dei personaggi sono già lì”.
La vicenda, improntata sugli intrecci della Commedia dell’Arte, vede uno dei protagonisti, Belmonte, angosciato perché la sua fidanzata, Konstanze, una giovane e bella spagnola, è stata rapita dai pirati e venduta come schiava insieme alla sua ancella inglese Blonde e all’innamorato di quest’ultima Pedrillo. Così Belmonte va a cercarla in Turchia. Il tentativo di liberare i prigionieri è audace, ma Belmonte avrà salva la vita solo grazie ad un atto di magnanimità del Sultano Selim.
Il ratto dal serraglio venne rappresentato in prima romana dai complessi artistici della Staatsoper di Berlino al Teatro Reale dell’Opera nella stagione 1940/41. L’ultima edizione al Costanzi è andata in scena nel 1972/73 con la direzione di Peter Maag, specialista del teatro mozartiano.

Comments are closed.

Cultura e Libri »

Regala un buono regalo e fai scegliere ai tuoi cari

Regala un buono regalo e fai scegliere ai tuoi cari

Ti è mai capitato di aver perso molto tempo e denaro alla ricerca di un regalo che poi il destinatario non ha gradito?
Semplice e veloce da utilizzare, le Gift Card evitano queste situazioni e regala …