Benessere e Salute

Notizie per aiutare a vivere meglio e orientarsi nel mondo delle notizie

Cinema

Cosa succede nel mondo del cinema con le ultime novità in questa città

Cultura e Libri

La cultura, i libri, per acquisire conoscenza e vivere meglio.

Design e Moda

Il mondo del Design, della Moda, delle offerte, come cambia. Dagli acquisti nel negozio agli acquisti online

Psicologia

In questa categoria verranno affrontate tematiche riguardanti i giovani e gli adolescenti.

Home » Primo piano

La regione che verrà, intervista a Luisa Laurelli

Scritto da on venerdì, 29 Gennaio 2010No Comment

Alla Regione che verrà, oggi è con noi la rappresentante regionale Luisa Laurelli, esponente del Partito democratico.

E’ ormai giunta a conclusione la legislatura, quale è il bilancio di questi anni di lavoro?
La legislatura è iniziata in salita.  Appena saliti alla guida della regione abbiamo dovuto affrontare il problema sanità. Il settore  aveva un buco di bilancio di 10 miliardi di euro. Attualmente il governo sta negando lo stanziamento di 4 miliardi di fondi, provenienti dalle imposte regionali pagate dai cittadini, mettendoci in grandi difficoltà ed impedendoci di saldare molti pagamenti. Il perdurare di questa situazione  aggrava la condizione finanziaria della nostra regione, costringendoci al pagamento degli interessi passivi, dovuti all’assenza di liquidità. Spero che la campagna elettorale si incentrerà su contenuti e sul lavoro che è stato svolto in questi cinque anni e non su polemiche e scontri ideologici. Ho visto che la Polverini propone nel suo programma di rivedere insieme al governo il piano di rientro dal deficit della sanità perché lo ritiene troppo vincolante per il Lazio, il centro destra deve riconoscere che l’obbligo di risanamento delle finanze regionali è un obbligo concordato tra regione Lazio e governo, quindi non si capisce come mai questo piano sia stato giudicato positivamente con il centro sinistra e da riconsiderare per il centro destra.
Lei ha fatto parte della Commissione giustizia e lotta alla criminalità, quale è il lavoro svolto in questi anni?
Sono stati moltiplicati gli stanziamenti nel comparto sicurezza, che hanno interessato la lotta all’usura ed il rafforzamento della polizia locale, ma hanno riguardato anche la tutela dei diritti dei detenuti e degli immigrati. Quest’ultima  cosa in paticolar modo andrà a favorire la sicurezza collettiva. Una legge importante approvata durante la legislatura è stata quella relativa all’istituzione di un fondo rotativo, indirizzato alle associazioni interessate alla gestione dei beni confiscati alle mafie. Questa legge ha un ruolo fondamentale poiché impedisce la riacquisizione dei beni da parte della criminalità organizzata. Molti colleghi dell’opposizione mi hanno detto di non parlare espressamente di mafia o camorra, per non creare allarmismo fra la popolazione, eppure questo è un problema che sta prendendo sempre più piede nel Lazio ed è pertanto bene parlarne.
Cosa ne pensa di Emma Bonino?
Sono contenta che nel Lazio vi sia stata una candidatura tutta al femminile e per quanto riguarda il centro sinistra, sono felice che la scelta sia ricaduta su Emma Bonino. E’ necessaria un po’ di pulizia e freschezza.

Crede che si possa parlare di pulizia e freschezza anche per la candidata Polverini?

Credo di si, è sicuramente diversa dai candidati uomini del suo stesso partito, che personalmente ritengo molto discutibili, come Storace o Fazzone, il quale si è operato per impedire lo scioglimento del comune di Fondi nel quale c’erano rappresentanti che hanno avuto presunte relazioni con la mafia. Credo che questi esponenti del Pdl influenzeranno negativamente la sua campagnia elettorale.

Parlando di grandi temi, in questi giorni si è fatto avanti un grosso gruppo che ha messo gli occhi sull’Acea, cosa ne pensa?
Ci sono alcune risorse che devono essere custodite. La loro privatizzazione potrebbe essere molto pericolosa, e ricadere negativamente sulla vita delle generazioni future. Tuttavia è un fenomeno in atto anche nel Comune di Roma che si sta accingendo a privatizzare alcuni settori dell’Acea.

In alcune realtà della provincia vi sono delle vertenze in atto, come nel caso del comune di Nettuno, nel quale la privatizzazione della rete idrica ha provocato un aumento dei costi del 300%.
La vertenza riguardo Acqua Latina, la società, alla quale è stata affidata la gestione del sistema idrico, è tutt’ora in atto, e Fazzone, del Pdl, dovrà rispondere personalmente della mala gestione nei confronti della quale la magistratura sta decidendo.

Altro punto importante riguarda il nucleare, si parla di diversi siti nel Lazio: Montalto di Castro, Latina, e Castelforte. La candidata Emma Bonino ha preso una posizione ibrida rispetto a questo tema o di netta contrapposizione?
Emma Bonino ha preso una posizione di netto contrasto al nucleare, c’è la volontà di investire nelle energie pulite. La Conferenza delle Regioni si è pronunciata in modo contrario, ma il governo ha fatto un colpo di mano, decidendo in gran segreto le sedi e non prendendo in considerazione il parere delle regioni. Attualmente abbiamo grossi problemi a gestire le scorie esistenti figuriamoci in quali problemi incapperemmo con nuove centrali.

A livello locale si sta andando incontro a grossi problemi nel settore dell’editoria e dell’audiovisivo: i proprietari di alcune emittenti territoriali si sono candidati. In questo modo si rischia il controllo sul sistema dell’informazione.
Se questo si verificasse verrebbe arrecato un grosso danno al sistema informativo. E’ evidente che chiunque venga eletto debba premere per tutelare la libertà di informazione. Deprimere le aziende del settore arrecherebbe un danno non solo al sistema delle comunicazioni ma anche al sistema economico visto che si metterebbero a rischio molti posti di lavoro.

E’ possibile visionare il video dell’intervista al seguente link: Italialivetube

Comments are closed.

Cultura e Libri »

Euroma2 presenta: “Il Grande Libro delle Erbe Medicinali per le Donne

Euroma2 presenta: “Il Grande Libro delle Erbe Medicinali per le Donne

EUROMA2 PRESENTA
“Il GRANDE LIBRO DELLE ERBE MEDICINALI PER LE DONNE”
Euroma2 la aperto il nuovo anno al femminile, con un appuntamento del Caffè Letterario tutto dedicato al benessere delle donne. Il 17 gennaio l’autrice Roberta …