Benessere e Salute

Notizie per aiutare a vivere meglio e orientarsi nel mondo delle notizie

Cinema

Cosa succede nel mondo del cinema con le ultime novità in questa città

Cultura e Libri

La cultura, i libri, per acquisire conoscenza e vivere meglio.

Design e Moda

Il mondo del Design, della Moda, delle offerte, come cambia. Dagli acquisti nel negozio agli acquisti online

Psicologia

In questa categoria verranno affrontate tematiche riguardanti i giovani e gli adolescenti.

Home » Primo piano

Olimpiadi Roma 2020: Monti ha detto no

Scritto da on mercoledì, 15 Febbraio 2012No Comment

Monti ha bocciato la candidatura di Roma alle Olimpiadi 2020. Chiaramente intenzionato a portare avanti fino all’ultimo la strada del rigore, il premier ha detto no. Una scelta difficile, quella che è stato chiamato a prendere il Presidente del Consiglio, che, in qualsiasi direzione si fosse mosso, avrebbe comunque lasciato spazio a polemiche e delusioni. Anche un eventuale sì, infatti, non avrebbe evitato  malumori e manifestazioni di disapprovazione. Magari non da parte di Alemanno e del Comitato Organizzatore, come, invece, è oggi, all’indomani del verdetto negativo. Ma sicuramente tra i milioni di italiani che proprio nell’ultimo mese sono stati chiamati a nuovi e non indifferenti sacrifici economici, più di qualcuno avrebbe fatto sentire la sua voce di dissenso.

E’ evidentemente questa la considerazione che ha pesato maggiormente nel percorso decisionale di Monti, come d’altronde lui stesso ha chiarito nel suo discorso, diramato tramite comunicato stampa « Il governo non ritiene che sarebbe responsabile, nelle attuali condizioni dell’Italia, assumere questo impegno di garanzia dei costi delle Olimpiadi. Tante volte in passato sono state prese, da governi di ogni segno, decisioni senza avere troppo riguardo per le conseguenze finanziarie. In questo momento non pensiamo che sarebbe coerente impegnare l’Italia in questa cosa che potrebbe mettere a rischio i denari dei contribuenti».

Non che i sostenitori della corsa per le Olimpiadi a Roma non avessero a cuore le finanze degli italiani, diciamo così, ma certamente diverso era il presupposto di partenza. Se per i pro Olimpiadi, i giochi avrebbero rappresentato un’opportunità di rilancio, Monti sin da subito ha mostrato una certa diffidenza verso questa interpretazione. Un’occasione di prestigio, certamente. Ma sul fatto che le Olimpiadi potessero avere anche positivi risvolti per l’economia del paese, Monti non si è mai rivelato troppo convinto, visti anche i continui rinvii sulla decisione finale. O meglio, da buon esperto di economia, avrà preso in esame non soltanto le possibile entrate, ma anche le spese aggiuntive e improvvise che in occasione dei grandi eventi, la storia insegna, sono all’ordine del giorno. Non a caso, snocciolando le motivazioni del suo no – che,  ha sottolineato lui stesso, è fondato unicamente su considerazioni a carattere finanziario, senza che questo voglia negare la validità del progetto presentato – Monti ha fatto riferimento a quanto si è verificato in Inghilterra, dove per le Olimpiadi a Londra i costi sono triplicati rispetto alle previsioni.

Il responso è stato accolto con una prevedibile amarezza da quanti si erano fatti promotori del progetto Olimpiadi Roma 2020. In primis Alemanno, che nel tardo pomeriggio di ieri, a risposta ottenuta, ha annullato la conferenza stampa precedentemente organizzata.  E se pure il sondaggio presentato proprio in Campidoglio nel mese di gennaio riferiva di oltre il 70% degli italiani favorevoli alla candidatura della capitale ai giochi, la reazione dei cittadini al no di Monti appare più quieta di quella dei “big”.  Anzi, non pochi, intervenendo a trasmissioni radiofoniche, pur dichiarandosi fra coloro che avrebbero voluto il sì, hanno espresso apprezzamento per la scelta del premier, dietro la quale hanno, comunque, riconosciuto un atto di responsabilità.  

Senza considerare quelli che le Olimpiadi a Roma non le hanno mai viste di buon occhio. Questa mattina, in un bar, un simpatico signore dall’accento inequivocabilmente romano, commentava con il barista: e ce mancava solo che dopo che c’hanno bloccato le pensioni, toccava finanzià sti giochi …

 di Valeria Torre

Comments are closed.

Cultura e Libri »

Euroma2 presenta: “Il Grande Libro delle Erbe Medicinali per le Donne

Euroma2 presenta: “Il Grande Libro delle Erbe Medicinali per le Donne

EUROMA2 PRESENTA
“Il GRANDE LIBRO DELLE ERBE MEDICINALI PER LE DONNE”
Euroma2 la aperto il nuovo anno al femminile, con un appuntamento del Caffè Letterario tutto dedicato al benessere delle donne. Il 17 gennaio l’autrice Roberta …