Benessere e Salute

Notizie per aiutare a vivere meglio e orientarsi nel mondo delle notizie

Cinema

Cosa succede nel mondo del cinema con le ultime novità in questa città

Cultura e Libri

La cultura, i libri, per acquisire conoscenza e vivere meglio.

Design e Moda

Il mondo del Design, della Moda, delle offerte, come cambia. Dagli acquisti nel negozio agli acquisti online

Psicologia

In questa categoria verranno affrontate tematiche riguardanti i giovani e gli adolescenti.

Home » Cinema, Primo piano

Venezia 68: Conferenza stampa Al Pacino

Scritto da on lunedì, 5 Settembre 2011No Comment

Il grande attore Al Pacino, icona del cinema americano è sbarcato a Venezia, sia per ricevere l’illustre premio alla carrieria, sia per presentare il suo ultimo film “Wilde Salome”, di cui è regista ed interprete accanto a Jessica Chaistain che abbiamo visto nel recente The Tree of Life.  Stamattina ha incontrato la stampa per raccontare questo suo lavoro, che porta sullo schermo una storia che unisce la figura di Oscar Wilde all’opera di Shakespeare “Salome”, mostrandosi molto disponibile e aperto al pubblico.

Ci parli di questo Wilde Salome e di come lo ha realizzato.

Volevo creare una storia, un documentario, non un film. Ero confuso e volevo fare una specie di collage, mettendo insieme varie cose per dare corpo all’idea che avevo in testa. Riflettere su Oscar Wilde e cosa avesse passato nella sua vita, con una visione d’insieme. Quando ho conosciuto Jessica, ho subito voluto che lavorasse per me, prima che il monjdo si accorgesse di lei, come infatti è avvenuto. E lei è stata graziosa e gentile a dirmi di sì. Volevo creare qualcosa che rivelasse anche cose su di me, introiettando me stesso in tutto il film. Come per l’idea del film su Riccardo III, l’idea è quella di avvicinare il pubblico a Shakespeare, rendendolo più familiare. In America c’è difficoltà ad essere accettato pubblicamente per essere un attore americano che recita una storia inglese. Io volevo esprimere tutto ciò nel mio film. Rappresentare un  genio scomparso prematuramente, per vedere quanta passione aveva messo in Salome e i punti problematici di questa opera, rivei con creatività da Wilde.

Il teatro è benzina per gli attori. Che ne pensa?

Si lavora in teatro e si creano legami con gli attori. Magari all’inizio ci sono alcune difficoltà, poichè le persone sono poco aperte, ma poi dopo pochi giorni ci accorgiamo di essere nella stessa barca. Il teatro è fatto da un funambolo, ogni attore dipende dall’altro .

Perchè ci è voluto tanto tempo per realizzare questo film?

Non sapevo dove andare con questo film e ho fatto altri lavori nel frattempo. Senza il produttore Navidi non avrei mai potuto farlo. Dopo 5 mesi l’ho ripreso e come succede con un dipinto, ho dovuto allontanarmene per comprenderlo e vederlo con i giusti occhi. Poi abbiamo fatto un feedback con il pubblico e alla fine ho capito come portarlo avanti e dove volevo andare.

Qui a Venezia riceverà il Premio alla carriera. Se si guarda indietro ha qualche rimpianto? E i progetti per il futuro?

Vorrei non aver fatto sicuramente alcune cose nella mia vita, non solo riguardo i film ma anche nella vita personale. D’ora in poi farò solo le cose che mi sento di fare.

Nel film Wilde Salome ci sono spezzoni di film vecchi. Conosce Carmelo Bene e il suo film su Salome?

Esistono 28 film su Salome, fin dal muto. Non conosco il film di Carmelo Bene ma il mio approccio è moderno e anche se avessi conosciuto questo film il mio lo avrei fatto allo stesso modo. Parlando di Wilde, speravo di far sentire al pubblico il pregiudizio senza troppa ovvietà. Interessante capire quello che succedeva in quel periodo. Wilde era un pensatore liberale, visionario.

Omaggerebbe Moravia o Pirandello con uno suo film?

Sì, potrei fare un mio Pirandello, tipo sull’opera “Sei personaggi in cerca di autore”. 25 anni fa ero un attore che cercava di capire la sua vita, dilaniato tra cinema e teatro e in bilico fino a che non ho messo insieme le cose. Quando ho cominciato a fare io film come regista, anche il mio rapporto con gli altri registi è migliorato.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Comments are closed.

Cultura e Libri »

Euroma2 presenta: “Il Grande Libro delle Erbe Medicinali per le Donne

Euroma2 presenta: “Il Grande Libro delle Erbe Medicinali per le Donne

EUROMA2 PRESENTA
“Il GRANDE LIBRO DELLE ERBE MEDICINALI PER LE DONNE”
Euroma2 la aperto il nuovo anno al femminile, con un appuntamento del Caffè Letterario tutto dedicato al benessere delle donne. Il 17 gennaio l’autrice Roberta …