Cinema

Cosa succede nel mondo del cinema con le ultime novità in questa città

Cultura

La cultura attraverso i libri che raccontano la città e il tempo

Musica

La sezione per la musica italiana e gli eventi romani

Video

I video della redazione di Romalive, interviste, servizi e approfondimenti a 360 gradi!

Home » Attualità, Primo piano

Il Generale Angiolo Pellegrini ai microfoni di Media Live – mafia, logge massoniche, politica: un piano criminale ai danni dell’Italia

Scritto da on martedì, 25 Giugno 2013No Comment

angiolo-pellegriniContinuano gli incontri con esponenti della legalità per capire come arginare le mafia e i danni devastanti contro l’Italia. Insieme a SOS Impresa e al dirigente nazionale Antonio Anile, molti temi sono stati affrontati e sviscerati, soprattutto legati al fenomeno usura. Questa settimana è intervenuto il generale Angiolo Pellegrini,generale dei carabinieri in pensione e uno dei massimi esperti nella lotta contro le mafie. Ha conosciuto Falcone e Borsellino,collaborando con loro e studiando il fenomeno mafioso e la ragnatela di “affiliazioni” iniziata già in quegli anni.

Il Generale traccia un quadro e un ritratto di Falcone e Borsellino, una sua frase mi è rimasta impressa: “Giovanni Falcone aveva un solo unico e grande amico,era Borsellino”. Questo spiega il perché i veri eroi sono sempre “soli”. Spesso in televisione, sui media impazzano figure, mezze figure, tanti quaquaraquà che si lustrano l’abito con la seguente affermazione: “ero grande amico di Falcone e Borsellino”.

Gli eroi sono sempre uomini soli e danno fastidio al potere perché sono incorruttibili e il loro modo di pensare è diverso:sono uomini liberi, abbracciano nel loro senso del dovere la collettività,sono attratti dal costante continuo miglioramento della società e non dalla loro posizione personale, sono disposti a sacrificare la loro vita per il bene comune, per le loro idee. Falcone e Borsellino forse sono stati gli ultimi veri grandi eroi di questo paese e gli ultimi veri grandi magistrati antimafia. Il Generale parla della lotta alle mafie e del suo impegno personale come uomo delle istituzioni e di come in quegli anni si incontrassero i cosiddetti “uomini d’onore” in qualità di “informatori”. Parla anche della trattativa Stato Mafia e di come la mafia “si combatte quando è in silenzio, perché proprio in quei periodi agisce per espandersi a macchia d’olio”. Il Generale Pellegrini dice anche: “in quegli anni la mafia era già presente con infiltrazioni al nord Italia, in Canada”. Con il generale parliamo della situazione attuale e una sua frase mette i brividi: “logge massoniche deviate, mafie, politica, imprenditori, manager, insieme per un patto criminale contro il paese e la legalità, occupando posizioni di potere. La mafia senza la politica non potrebbe espandersi in questo modo.

Oggi i mafiosi sono uomini addestrati al potere: laureati, parlano più lingue,con master negli Stati Uniti. E’ finito il periodo del mafioso con la coppola”. Sentirlo da un Generale dei carabinieri ha un sapore e una visione diversa. La mafia ha scalato il muro e oggi è difficile capire chi è mafioso, quindi: politici, magistrati, manager, funzionari pubblici, forse dell’ordine ( spesso con parecchie stellette), commercialisti, avvocati, funzionari di banca, e tanto altro, rappresentano l’antistato e sono diventati invisibili agli occhi della legalità. Il Generale è stato accantonato dopo il pensionamento. Eppure proprio uomini come lui potrebbero aiutare lo “Stato legale” a riconosce e combattere contro lo “ Stato mafioso”.
Ma esiste ancora in politica “lo Stato legale?”.
Il generale ha indicato alcune linee guida per allontanare i giovani dalle mafie utilizzando proprio i beni loro sequestrati, verrà ascoltato?
Un altro tema è stato sfiorato e riguarda l’espansione della mafia con alleanze significative in alcuni paesi africani, in particolare la Tunisia, per il traffico di organi, laboratori per il taglio della droga. Bambini e non solo, rapiti, cui vengono prelevati organi e poi portati in cliniche ben precise per il trapianto.

Guarda il video dell’intervista su Italialivetube.it: Parte 1Parte 2Parte 3 – Parte 4

Comments are closed.

Cultura »

Teatro Vascello: GISELLE del Balletto di Roma dal 26 febbraio al 3 marzo

Teatro Vascello: GISELLE del Balletto di Roma dal 26 febbraio al 3 marzo

Centosettantacinque anni. Tanti ne sono passati dalla prima rappresentazione del balletto Giselle, gioiello di poesia romantica creato per il debutto parigino della ballerina italiana Carlotta Grisi. Ideato dall’artista israeliano Itamar Serussi Sahar, il primo atto ci consegna una coreografia all’insegna della potenza fisica e carnale che emerge da corpi spogli di quel vezzo pantomimico che tradizionalmente caratterizza il primo atto di Giselle

Musica »

Concerto di Natale in Vaticano: Euroma2, Sponsor Ufficiale della manifestazione canora per la Solidarietà

Concerto di Natale in Vaticano: Euroma2, Sponsor Ufficiale della manifestazione canora per la Solidarietà

Anche quest’anno, accompagnato dall’ Orchestra Universale Sinfonica Italiana diretta dal Maestro Renato Serio, con la collaborazione del Maestro Stefano Zavattoni, il cast sarà eccezionale e prevede la presenza dell’americana Dee Dee Bridgewater, una delle inarrivabili voci femminili del jazz; della statunitense Anastacia, una delle …

Video »

Intervista Liceo Aristotele parte 2

Intervista Liceo Aristotele parte 2