Cinema

Cosa succede nel mondo del cinema con le ultime novità in questa città

Cultura

La cultura attraverso i libri che raccontano la città e il tempo

Musica

La sezione per la musica italiana e gli eventi romani

Video

I video della redazione di Romalive, interviste, servizi e approfondimenti a 360 gradi!

Home » Primo piano

Starbucks non paga il conto?

Scritto da on mercoledì, 24 Ottobre 2012No Comment

Qualche mese fa, avevo analizzato il fenomeno americano di business succes di Starbucks, incoronandolo come uno dei migliori modelli aziendali degli ultimi anni. La societa’ in questione pero’, dopo gli ingenti investimenti europei, fa un piccolo passo indietro flettendo verso il basso. Infatti i nuovi punti vendita francesi, non stanno registrando i valori attesi, anche colpa della crisi, Starbuck incassa come Jake La Motta, sul Madison Square Garden di New York.

Pur mantenendo intatte le qualita’ strategiche e le capacita’ attrattive, ilpost.it, in data 2 aprile 2012, fotografava con queste parole gli investimenti di breve periodo della multinazionale:

“Nonostante un fatturato mondiale record di 3,4 miliardi di euro nell’ultimo trimestre del 2011 e il valore delle azioni salito dagli 8 dollari nel 2008 ai 53 di oggi, Starbucks non va molto bene in Europa: nell’ultimo trimestre del 2011, per esempio, il fatturato degli Starbucks europei aperti da almeno 13 mesi è cresciuto solo del 2 per cento, contro il 9 di quello degli Stati Uniti e addirittura il 20 in Asia. In Francia, per esempio, dove ci sono 63 punti Starbucks aperti negli ultimi 8 anni, l’azienda non ha ancora visto utili. Secondo un recente sondaggio, infatti, solo al 20 per cento dei francesi piace il caffè americano.”

(per l’articolo intero:http://www.ilpost.it/2012/04/02/starbucks-in-europa/)

Secondo quanto affermato, gli impedimenti peggiori sarebbero stati:il costo del lavoro, gli affitti dei locali e la bassa propensione degli europei alle caffetterie di impronta  americana, in quanto amanti della colazione homemade. Intanto tre giorni fa, il Financial Times, lo ammoniva per un’inchiesta a suo carico per elusione fiscale. Naturalmente, sottolineava il rischio di un danno di immagine mostruoso, per le salde posizioni etiche assunte dalla soiceta’ in fatto di mission e vision.

Starbucks ha costruito la sua nave con molta accuratezza ed estrema intelligenza. Ha solcato mari difficili, come quello Asiatico ed Europeo, adesso con la tempesta mediatica che si abbattera’ con violenza, sara’ capace di rispondere con un Frappuccino??

 

GIOVANNI MARIA LEPORI

Comments are closed.

Cultura »

Segreti e Misteri: prova dell’esistenza del cronovisore

Segreti e Misteri: prova dell’esistenza del cronovisore

puntate precedenti:
Segreti e Misteri: il Cronovisore di padre Pellegrino Ernetti
La macchina del tempo e il Vaticano
 
Le prove sull’esistenza del Cronovisore sono fragilissime, per quanto riguarda gli standard scientifici, comprese fotografie dubbie, tra cui una foto …

Musica »

Concerto di Natale in Vaticano: Euroma2, Sponsor Ufficiale della manifestazione canora per la Solidarietà

Concerto di Natale in Vaticano: Euroma2, Sponsor Ufficiale della manifestazione canora per la Solidarietà

Anche quest’anno, accompagnato dall’ Orchestra Universale Sinfonica Italiana diretta dal Maestro Renato Serio, con la collaborazione del Maestro Stefano Zavattoni, il cast sarà eccezionale e prevede la presenza dell’americana Dee Dee Bridgewater, una delle inarrivabili voci femminili del jazz; della statunitense Anastacia, una delle …

Video »

Intervista Liceo Aristotele parte 2

Intervista Liceo Aristotele parte 2