Benessere e Salute

Notizie per aiutare a vivere meglio e orientarsi nel mondo delle notizie

Cinema

Cosa succede nel mondo del cinema con le ultime novità in questa città

Cultura e Libri

La cultura, i libri, per acquisire conoscenza e vivere meglio.

Design e Moda

Il mondo del Design, della Moda, delle offerte, come cambia. Dagli acquisti nel negozio agli acquisti online

Psicologia

In questa categoria verranno affrontate tematiche riguardanti i giovani e gli adolescenti.

Home » Primo piano

A Roma dal 14 novembre “La grande illusione: spazio-tempo e persistenza della memoria”

Scritto da on venerdì, 2 Novembre 2012No Comment

L’archeorealismo di Evan De Vilde e la pop-cinetica di Nello Petrucci in mostra presso l’Archivio Centrale di Stato

text your ex back

Che cosa è il Tempo? Se nessuno me lo domanda, lo so. 

Se voglio spiegarlo a chi me lo domanda, non lo so più 

Sant’Agostino, Confessioni

L’Archivio Centrale di Stato ospiterà l’archeorealismo di Evan De Vilde e la pop-cinetica di Nello Petrucci nella mostra “La grande illusione: spazio-tempo e persistenza della memoria”. Il vernissage, curata dal DAMA (Daphne Museum Art), verrà inaugurata alle 18:30 di mercoledì 14 novembre, e sarà visitabile fino a domenica 2 dicembre.

L’esposizione ha come concetto fondante la narrazione di molteplici percorsi della memoria che si intersecano a dimostrazione di quanto l’Arte sia un linguaggio universale, mutevole per forma, tecnica e storia, ma sostanzialmente rispondente a un’unica esigenza umana: la ricerca dell’immortalità, il tentativo di lasciare il ricordo permanente di sé, perché sulla Memoria si basi la civiltà e perché possa costituire il seme del progresso sociale. Il passato dialoga con il presente in un linguaggio formale ogni volta in trasformazione, che dimostra la grande verità dell’esistenza umana: la vita senza memoria può essere solo un eterno oblio.

“Ogni azione umana, dall’atto

vendita cialis in italia

naturale della procreazione a  quello artistico, ha lo scopo di lasciare un segno duraturo della propria esistenza. – Ha dichiarato il curatore della mostra Ilario D’Amato. – Ogni atto, dunque, è un atto di Memoria, ossia un’archiviazione, voluta o implicita, di dati esperienziali che, per essere tramandati nel tempo, hanno bisogno di esplicitarsi in parole o simboli. L’oggettivazione della memoria è la facoltà del narrare attraverso il racconto scritto o, come nel caso dell’Arte, tramite la materializzazione di un’immagine.”

A guidare lo spettatore in questo suggestivo viaggio nella memoria dell’umanità, l’archeorealismo di Evan

De Vilde, movimento d'avanguardia basato sui contrasti estetico-linguistici di oggetti archeologici inseriti in contesti contemporanei, e la pop-cinetica di Nello Petrucci, che unisce il movimento dell’arte cinetica all’universalismo e al quotidiano della pop art.

Due movimenti artistici molto lontani tra loro, ma, allo stesso tempo, accomunati dalla voglia di proporre una nuova visione della realtà di ogni giorno, estrapolandola dal normale contesto e conferendole un significato più universale, che racchiude in sé la memoria di oggi e di ieri.

zp8497586rq

Comments are closed.

Cultura e Libri »

Euroma2 presenta: “Il Grande Libro delle Erbe Medicinali per le Donne

Euroma2 presenta: “Il Grande Libro delle Erbe Medicinali per le Donne

EUROMA2 PRESENTA
“Il GRANDE LIBRO DELLE ERBE MEDICINALI PER LE DONNE”
Euroma2 la aperto il nuovo anno al femminile, con un appuntamento del Caffè Letterario tutto dedicato al benessere delle donne. Il 17 gennaio l’autrice Roberta …