Benessere e Salute

Notizie per aiutare a vivere meglio e orientarsi nel mondo delle notizie

Cinema

Cosa succede nel mondo del cinema con le ultime novità in questa città

Cultura e Libri

La cultura, i libri, per acquisire conoscenza e vivere meglio.

Design e Moda

Il mondo del Design, della Moda, delle offerte, come cambia. Dagli acquisti nel negozio agli acquisti online

Psicologia

In questa categoria verranno affrontate tematiche riguardanti i giovani e gli adolescenti.

Home » Attualità

Le cause della crisi dell’Euro: gli squilibri interni di current account

Scritto da on lunedì, 10 Giugno 2013No Comment

Il secondo elemento di fragilita’ della area valutaria europea, puo’ essere riscontrato nell’analisi dei current account dei Paesi membri. La mobilita’ dei capitali, ha fatto si’ che negli anni fosse data la possibilita’ ai Paesi emergenti di ricevere finanziamenti esteri per poter crescere e svilupparsi, vista la scarsita’ di tali risorse. Tuttavia, tali politiche favorirono la speculazione, poiche’ gli investitori che puntarono su questi Paesi incrementarono il benessere economico troppo  velocemente, a tal punto che la crescita presto si trasformo’ in inflazione e quindi salari piu’ alti. Quest’ultima conseguenza rese gli investimenti degli speculatori meno remunerativi, perché la competitivita’ del Paese era svanita con l’aumento del livello dei prezzi.  Pertanto il successivo deflusso degli investitori ha messo in crisi e non poco l’intero sistema.

 

Analizzando meglio la situazione, in Europa si poteva registrare un forte surplus di current account in Paesi quali: Lussemburgo, Finlandia, Olanda, Germania, Belgio e , in misura molto ridotta, la Francia. Questi ultimi esportavano i loro capitali in Portogallo, Grecia, Spagna e in misura minore in Irlanda e Italia.

crack euroA questo punto i Paesi core erano incentivati a sfruttare i rendimenti maggiori offerti nei Paesi periferici dell’euro. Inoltre, l’afflusso di capitali in questi Paesi porto’ i tassi di interesse verso livelli relativamente piu’ bassi rispetto a quelli nei Paesi forti. Pertanto, l’abbondanza di risorse e bassi tassi di interesse incentivava l’indebitamento sia pubblico che privato. Quest’ultimo aspetto metteva in moto un boom di consumi e investimenti che generarono pressioni inflazionistiche, date soprattutto da un incremento del costo del lavoro, il tutto fece diminuire le esportazioni.

 

La conseguenza ultima del processo di avvitamento si conclude con un aumento del deficit di current account (risultato delle esportazioni meno le importazioni di beni e/o servizi) che porta ad un peggioramento sostanziale dei fondamentali economici e della loro sostenibilita’.

Il tutto puo’ essere sintetizzato in una parola sola: sudden stop.  Tra il 1999 e il 2008, rispetto al PIL, il credito erogato a imprese e famiglie passo’ dal 84% al 115% in Grecia, in Irlanda addirittura dal 103% al 207% e in linea con questi aumenti spropositati anche la Spagna, passo’ dal 111% al 214%.

 

Facendo il punto, l’Eurozona, che non soddisfa le “condizioni mundelliane” dell’area valutaria ottimale, venne investita dalla crisi finanziaria mettendo a nudo problemi strutturali di current account tra Paesi core e quelli periferici che la espone tutt’ora al rischio di sudden stop e ad una crisi ancora peggiore.

 

 

 

 

 

GIOVANNI MARIA LEPORI

Comments are closed.

Cultura e Libri »

Euroma2 presenta: “Il Grande Libro delle Erbe Medicinali per le Donne

Euroma2 presenta: “Il Grande Libro delle Erbe Medicinali per le Donne

EUROMA2 PRESENTA
“Il GRANDE LIBRO DELLE ERBE MEDICINALI PER LE DONNE”
Euroma2 la aperto il nuovo anno al femminile, con un appuntamento del Caffè Letterario tutto dedicato al benessere delle donne. Il 17 gennaio l’autrice Roberta …