storia-covid-italia

Premesso che la pandemia è stata annunciata  e desiderata da molti, soprattutto quella parte della popolazione mondiale circa l’1% che controlla il 90% delle ricchezza del pianeta.

Covid 19: Storia di una pandemia annunciata e desiderata.  Ovviamente dalla cupola si procede verso il basso coinvolgendo vari strati della popolazione fino ai plitici, burocrati, primari, giornalisti, medici, infermieri. Parlo di gruppi ristretti che godono di enorme visibilità.

E’ in atto un’ attacco all’umanità senza precedenti e senza confini. Gli stessi che oggi si affannano per mettere in atto il piano a livelli intermedi saranno  vittime sacrificali nel prossimo futuro.

Dall’inizio della pandemia Covid, quando virologi e politici erano d’accordo che sarebbe stato un falso allarme e tutti si precipitavano in piazza o in trasmissioni a tranquillizzare gli italiani.

I due personaggi nel video rassicuravano gli italiani; tutto sotto controllo. In realtà nulla era stato fatto perchè in Italia non c’era nessun piano pandemico e coloro i quali parlavano di coronavirus, non ne sapevano nulla o quello che gli veniva comunicato dalla Cina.
Ma non basta, ecco un’altro esempio di politici e virologi che tranquillizzano la popolazione e poi vedremo che diventeranno catastrofisti
Ora Zingaretti,  che si reca a Milano per l’Aperitivo e siamo al 2 marzo 2020
Poi abbiamo anche l’ex-presidente del consiglio Conte che tranquillizza gli italiani e dice che sono prontissimi a contrastare un’eventuale emergenza. In realtà non esisteva nessun piano pandemico ed erano completamente impreparati e i fatti lo dimostreranno.
Si potrebbero aggiungere altri virologi e politici che tranquillizzavano gli italiani, affermando che non c’era nessun pericolo. Era tutto sotto controllo.
Covid 19: Storia di una pandemia annunciata e desiderata. Poi si scatenerà l’inferno in Lombardia, soprattutto nella zona del Lodigiano, Bergamo, Brescia.
Youtube come facebook hanno bannato migliaia di account e video, però possiamo trovare centinaia di video che testimoniano ciò che hanno detto i cosiddetti virologi e politici. La parte più inquietante che testimonia come si vuole che il virus si diffonda in tutta Italia, sono i giorni prima della quarantena. I giornali diffondono la notizia il giorno prima e dal nord Italia avviene un’ esodo di migliaia di persone verso il centro e il sud. Quale modo migliore per permettere la diffusione del virus? Chi ha fatto trapelare la notizia? Ricordiamo che ministro della salute è il laureato in scienze Politiche Speranza e presidente del Consiglio Conte con capo ufficio stampa Casalino.

La notizia viene riportata da molti media e parlano di fuga di notizie
Il fatto quotidiano

ilmessaggero

il giorno

Covid 19: Storia di una pandemia annunciata e desiderata. La domanda semplice e banale: la fuga di notizie è stata premeditata? Se si, la risposta è semplice, per diffondere il virus in tutte le regioni d’Italia. Se la risposta è no, allora qualcuno per diffonderle è stato pagato. Comunque un’atto infame contro gli italiani.

Questo è il punto di svolta e le televisioni, i media, tutti, iniziano a bombardare gli italiani con notizie tragiche, con il solito bollettino di guerra a cura dei burocrati dell’Istituto superiore della Sanità e della Protezione civile. Un lavaggio del cervello infame, premeditato?. Ma ciò che rende ancor più criminale il comportamento dei media e dei loro servitori, esperti e non esperti è il linciaggio di virologi, scienziati, premi nobel, che hanno una visione diversa della pandemia, dei metodi adottati per contrastarla e del protocollo di cura: “tachipirina, paracetamolo e vigile attesa”; sembra il titolo di una barzelletta. Purtroppo è l’amara realtà.

Non esisteva nessun piano pandemico, nessuna precauzione,  centinaia di medici e infermieri morti per mancanza di mascherine e del più semplice protocollo da utilizzare per la propria salute.

Covid 19: Storia di una pandemia annunciata e desiderata. Un’insieme di politici, burocrati, esperti pagati per cosa? Ma non basta le linee guida del ministero, comunicate con una circolare: “Per l’intero periodo della fase emergenziale non si dovrebbe procedere all’esecuzione di autopsie o riscontri diagnostici nei casi conclamati di COVID-19, sia se deceduti in corso di ricovero presso un reparto ospedaliero sia se deceduti presso il proprio domicilio.

Ritardi, indecisioni, nessun piano per contrastare la pandemia. Questi sono i fatti.  Covid 19: Storia di una pandemia annunciata e desiderata

Nel prossimo post parlerò delle cure e dei medici onesti che sono stati radiati, addirittura screditati e costretti al suicidio (oppure assassinati?), ridicolizzati. Prima o poi la verità verrà a galla e allora questo periodo buio dell’umanità verrà riscritto e verranno a galla i criminali e il loro lacchè.

Lascia un commento